Sardegna: 3 poliziotti salvano una donna da una voragine, estratta viva dall’auto

maltempo sardegna soccorsiOlbia, 20 novembre 2013 – Deve la vita a tre poliziotti di Olbia, un sommozzatore e due agenti della squadra nautica, una donna, ora ricoverata all’ospedale di Olbia, che si trovava nella seconda auto precipitata lunedi’ sera nella voragine formatasi sulla strada provinciale 38 fra Olbia e Tempio Pausania. Qui sono morte tre delle 16 vittime del ciclone Cleopatra in Sardegna: Bruno Fiore, 68 anni, la moglie Sebastiana Brundu, di 61, e la consuocera di Fiore, Maria Loriga, di 54 anni, che viaggiavano su un fuoristrada, un Mitsubishi Pajero, finito nella voragine. Su un’altra auto viaggiava la donna estratta ancora viva dai tre agenti. Marco Anselmi, poliziotto in servizio al Nucleo sommozzatori di Olbia, la sera di lunedi’ aveva lasciato la sua abitazione di Tempio Pausania per tornare al lavoro nella citta’ gallurese finita sotto una pioggia senza precedenti. Sulla provinciale 38 era appena avvenuto il crollo che aveva inghiottito le due auto. Anselmi, come d’abitudine, viaggiava con imbragature nel bagagliaio e si e’ subito attivato per recuperare eventuali superstiti. Il poliziotto ha chiesto soccorso a due colleghi della Squadra nautica di Olbia, Pierpaolo Floris e Alfonso Iovieno, che l’hanno aiutato a portare in salvo la conducente della seconda auto. (AGI)