Camorra: fermati quattro ‘emergenti’ del clan Polverino

carabinieriNapoli, 17 gennaio 2013 –  Un blitz contro il racket delle estorsioni, denominato “Colpo grosso”, e’ stato portato a termine dai carabinieri di Quarto (Napoli) in collaborazione con il gruppo radiomobile di Pozzuoli: sottoposti a fermo quattro “emergenti” ritenuti appartenenti al clan Polverino, tutti tra 19 e 30 anni che taglieggiavano imprenditori locali con affari nel campo dell’edilizia, delle sale da gioco e un’autoscuola. I quattro sono Giuseppe Di Roberto, 32 anni; Michele Di Pierno, 22 anni; Gennaro Pagano, 26 anni e Vincenzo Abbate, 24 anni. Sono accusati, con altre due persone detenute, di associazione a delinquere di stampo camorristico ed estorsione. In pratica il gruppo capitanato da Gennaro Pagano, che nella struttura aveva preso il posto occupato da Roberto Perrone, uomo forte di Polverino sulla zona di Quarto e Pozzuoli, imponeva il pagamento di tangenti sui mille euro agli imprenditori della zona, in particolare ai gestori delle sale da gioco e delle slot-machine. Altro elemento di spicco del gruppo Vincenzo Abbate, che aveva il compito di avvicinare e convincere le vittime a pagare. (ANSA).