Disordini al centro richiedenti asilo Bari, un arresto

Foto: archivio
Foto: archivio

Bari, 17 dicembre 2013 – Un cittadino del Mali, di 21 anni, K.L. e’ stato arrestato in flagrante da agenti di polizia con le accuse di violenza privata, danneggiamento aggravato, resistenza lesioni e violenza a pubblico ufficiale, a seguito della sassaiola messa in atto ieri da una cinquantina di immigrati ospiti del Centro assistenza richiedenti asilo di Bari-Palese contro carabinieri e poliziotti.

I partecipanti alla sommossa sono di prevalente etnia somala e sub sahariana, ai quali nei giorni scorsi era stato notificato il diniego del riconoscimento dello status di protezione internazionale. I migranti hanno bloccato l’accesso alla struttura fisicamente, utilizzando quattro cassonetti dei rifiuti e impedendo il transito al furgone che, quotidianamente, rifornisce il centro delle derrate alimentari. Di fronte all’intervento deciso delle forze dell’ordine per consentire l’ingresso del furgone i manifestanti hanno fatto resistenza lanciando sassi, rendendo necessario anche il sostegno dei reparti di rinforzo della polizia e dei carabinieri. I dimostranti hanno danneggiato la zona mensa, il magazzino vestiario del centro e hanno infranto alcune vetrate degli uffici di Polizia e dei mezzi parcheggiati. E’ tuttora in corso la visione delle immagini filmate da parte del personale del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica, finalizzata all’individuazione di ulteriori autori dei reati.

Nella circostanza, hanno riportato lesioni due funzionari di polizia e sette carabinieri del Battaglione. (Adnkronos)