Omicidio Bruna Bovino, l’autopsia ipotizza utilizzo arma da taglio

bruna bovino3Bari, 17 dicembre 2013 – Bruna Bovino, l’estetista di 29 anni trovata morta la settimana scorsa nel suo centro estetico di Mola di Bari, e’ stata ferita al collo con delle forbici o un punteruolo, comunque un’arma da taglio. E’ quanto emerge dall’autopsia svolta ieri dal medico legale Francesco Introna.

La donna, quindi, potrebbe essere stata uccisa con un’arma impropria, e solo dopo il suo corpo dato alle fiamme per confondere le indagini. Segni di ferite sono stati trovati sul collo, dalla parte posteriore e laterale. La donna potrebbe essere stata anche soffocata o strangolata, ma non e’ ancora chiaro se a provocare la morte siano stati solo i colpi o entrambe le azioni. Inoltre c’e’ la possibilita’ che la vittima sia stata aggredita alle spalle e che sulla scena del delitto ci fossero piu’ persone. (Adnkronos)

Leggi la notizia:
Trovata carbonizzata in centro estetico, identificata la vittima
Donna morta in centro massaggi, forse c’è stata colluttazione
29enne trovata carbonizzata nel centro estetico, si rafforza ipotesi omicidio
Donna carbonizzata in centro estetico: Bruna è stata uccisa
Omicidio Bruna Bovino: autopsia conferma omicidio, ”segni su corpo”