Pedofilia condannato a 35 anni ex cantante Lostprophets

ianLondra, 18 dicembre 2013 – Ian Watkins, ex cantante del gruppo britannico Lostprophets, e’ stato condannato a 35 anni per tentato stupro nei confronti di due bambine e per altri abusi nei confronti di minorenni. Watkins, che si era dichiarato colpevole di 13 capi di imputazione davanti alla Corte di Cardiff, e’ stato accusato dal giudice che si e’ occupato del caso di ”essere sprofondato in un livello di depravazione mai visto”. Il cantante, la cui band ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo, aveva tentato di abusare di due bambine con la complicita’ delle loro madri, come e’ emerso da una serie di sms e messaggi su Internet. Watkins aveva addirittura detto di voler stordire una delle sue vittime respirandole in faccia il fumo dei cristalli di mentanfetamina. ”Ian Watkins era l’ideatore di questa terribile cospirazione ed e’ giusto che la sentenza tenga conto di questo”, si legge in un comunicato. ”Si tratta di un individuo pericoloso e capace di manipolare le sue vittime”. La polizia sta ancora indagando sulla possibilita’ che Watkins abbia commesso abusi del genere anche negli Stati Uniti e in Germania. I Lostprophets, formatisi a Cardiff nel 1997, avevano attirato all’inizio degli anni duemila l’attenzione della stampa specializzata, conquistata dal loro alternative-metal. Hanno pubblicato cinque album, l’ultimo, ”Weapons”, nel 2012 e si sono sciolti dopo l’arresto di Watkins, avvenuto nel dicembre dello stesso anno. (ASCA)