Condannato a 2 anni e mezzo l’ ‘Assange genovese’

pietro altanaTorino, 20 dicembre 2013 – E’ stato condannato a Torino a 2 anni e mezzo di carcere in abbreviato Pietro Altana, conosciuto a Genova con diversi alias e indicato addirittura come l”‘Assange ligure” ed ex collaboratore dei servizi segreti. Il 52enne era stato arrestato il 31 ottobre 2012 nel torinese mentre, usando un distorsore di frequenze, che crea un’interferenza con il telecomando di chiusura dell’auto, tentava un furto su una Mercedes in un’autogrill nei pressi di Rivoli.

Il pm Laura Longo gli contestava due furti e 11 ricettazioni, ma ci sono ancora decine di episodi su cui sono in corso le indagini. Il giudice, Ambra Cerabona, ha anche comminato una multa di 6mila euro. Nella sua abitazione di Trana, nel torinese gli agenti del Commissariato di Rivoli avevano trovato due quintali di oggetti e materiali: computer, chiavette usb, telefonini e valigette, ma anche trolley, navigatori, occhiali, oggetti sportivi e da lavoro. (Adnkronos)