Omicidio Lucia Bellucci: l’accusato è ”capace di intendere e volere”

lucia bellucciTrento, 20 dicembre 2013 – Personalità “con tratti narcisistici e borderline che non esclude la capacità di intendere e di volere”. Emerge dalla perizia disposta dal gip di Trento su Vittorio Ciccolini, accusato dell’omicidio di Lucia Bellucci, la donna di Pergola uccisa il 9 agosto a Pinzolo. “Il narcisista – scrive il perito – si crede speciale e unico e è alla ricerca del successo, della bellezza e dell’amore ideale”. Amore ideale che l’uomo avrebbe cercato in Lucia, della quale però non avrebbe accettato l’abbandono. (ANSA)