Difesa: Mauro, ”Forze armate la più grande agenzia umanitaria d’Italia”

Foto: www.esercito.difesa.it
Foto: www.esercito.difesa.it

Milano, 21 dicembre 2013 – Le forze armate “sono la più grande agenzia umanitaria del nostro Paese”. Lo afferma il ministro della Difesa Mario Mauro, incontrando i vertici militari del Presidio di Milano a palazzo Cusani, nel centro del capoluogo lombardo. “L’Italia rifiuta la guerra – prosegue, citando la Costituzione – ma allora che fanno gli uomini in armi?”.

“Io sono originario di un piccolo paese del Sud – continua Mauro – se succede qualcosa nei vicoli, ci si mette di mezzo. Ecco, l’interposizione e’ mettersi di mezzo. Impedire con la propria stazza, con la propria deterrenza” che le cose degenerino. Vuol dire “assumersi la responsabilità” di creare “le condizioni che favoriscano la ripresa del dialogo. Ho incontrato il nostro contingente in Kosovo”, che inizialmente aveva il compito di difendere la popolazione di etnia albanese”, sottolinea il ministro.

“Ora – prosegue Mauro – dopo 15 anni dobbiamo difendere la minoranza serba. Non siamo in grado di prevedere lo sviluppo” degli eventi, “ma siamo in grado di contenerne gli effetti”.

Nei giorni scorsi, continua Mauro, le forze armate “sono intervenute a Juba, in Sud Sudan”, dove è in corso una guerra civile tra i sostenitori del presidente Salva Kiir, di etnia Dinka, e dell’ex vicepresidente Riek Machar, di etnia Nuer, “per riportare a casa” decine di “operatori umanitari”.

“Negli ultimi giorni abbiamo salvato 5mila uomini in mare”, continua Mauro, ricordando poi il ruolo dell’Aeronautica Militare nel portare aiuti alle popolazioni delle Filippine colpite dal tifone Haiyan, il più letale nella storia recente dell’arcipelago. “La nostra missione in Libano – sottolinea – ha creato ben 94 scuole”.

“Quello che mi preme – continua Mauro – e’, senza iattanza, svolgere” uno dei compiti che il ministro della Difesa ha, quello di “far conoscere quello che fanno le forze armate. A nome del governo e’ mia volontà trasmettervi – conclude rivolto ai militari in sala – il mio ringraziamento più sentito e i miei migliori auguri di buon Natale, a voi e alle vostre famiglie”. (Adnkronos)