Le scuse di Sacco ai malati di Aids “Mi vergogno per il tweet razzista”

justin saccoWashington, 22 dicembre 2013 – “Mi vergogno per essere stata insensibile e al milione di persone che vivono con il virus dell’Aids chiedo scusa”: all’indomani di una gaffe che le e’ costata il posto di lavoro, Justine Sacco, direttore commerciale del colosso InterActive ha chiesto pubblicamente scusa con una dichiarazione inviata ad Abc News. “Questo (il Sudafrica ndr) e’ il paese di mi padre. Sono nata qui e ho legami con questo paese che visito di frequente, ma provo angoscia nel sapere che i miei commenti hanno provocato dolore a molta gente, alla ma famiglia, ai miei amici e ai sudafricani”. Sacco e’ finita nell’occhio del ciclone per aver inviato ieri, prima di partire per il Sudafrica, un tweet in cui aveva scritto: “Sto andando in Africa. Spero di non beccarmi l’Aids.
Sto scherzando: io sono bianca”. Sacco, 30 anni, all’arrivo a Citta’ del Capo ha ricevuto la notizia che la societa’ per cui lavorava, l’aveva licenziata perche’ sulla rete, durante il suo lungo viaggio aereo, si era sollevato uno tsunami di critiche feroci. (AGI)

Leggi anche:
Scrive un tweet razzista prima del decollo, pr licenziata all’atterraggio