Capodanno: carabinieri, non raccogliete ‘botti’ inesplosi

botti inesplosi1Roma, 31 dicembre 2013 – Usare solo articoli pirotecnici legali, evitare di usarli in presenza di bambini piccoli o di animali, in ambienti chiusi o vicino alle auto, e non raccogliere mai fuochi d’artificio inesplosi. Questi alcuni dei consigli dispensati dai carabinieri della sezione artificieri del reparto operativo di Firenze in occasione del Capodanno. “Anche i fuochi più semplici se fatti in casa possono scatenare gravi incendi” spiega il luogotenente Giovanni Severini, responsabile dell’unità artificieri antisabotaggio del comando provinciale di Firenze. “È importante usare solo manufatti pirotecnici omologati e riconosciuti dallo Stato. È necessario controllare sempre l’etichetta, dove vengono indicate la ditta produttrice e la data di scadenza. Le polveri pirotecniche infatti col passare del tempo assorbono l’umidità: in questo modo invece di bruciare possono esplodere causando danni a cose o persone”. “I fuochi – continua – si dividono in quattro categorie. Nella prima rientrano i prodotti con una quantità di esplosivo molto ridotta, vendibili a maggiori di anni 14. Nella seconda categoria ci sono i prodotti riservati ai maggiorenni. Gli articoli di terza e quarta fascia sono riservati ai professionisti”. Negli scorsi mesi gli artificieri del comando provinciale di Firenze hanno effettuato incontri nella scuole superiori del territorio per informare i giovani sui rischi derivanti dall’uso dei ‘botti’. (ANSA).