15enne morto in valanga a Claviere, c’è un secondo indagato

riccardo capitanio1Torino, 2 gennaio 2014 – C’e’ un secondo indagato per la morte di Riccardo Capitanio, il ragazzo di 15 anni morto il 29 dicembre in una valanga a Claviere. Il pm Raffaele Guariniello ha iscritto nel registro degli indagati un francese, direttore generale della societa’ d’oltralpe che gestisce l’impianto sciistico della zona. L’accusa come per il fidanzato della sorella del 15enne che lo accompagnava nel fuoripista, e’ di omicidio colposo e valanga colposa.

Dagli accertamenti della polizia giudiziaria e’ emerso infatti che quel giorno mentre il bollettino meteo parlava di rischio 4, cioe’ forte rischio valanghe, sul sito della societa’ si indicava di un rischio 1, basso. Inoltre non ci sarebbe stato il cartello con l’indicazione del rischio: da quanto accertato sembra che la bandiera con l’indicazione del pericolo fosse per terra, forse buttata giu’ da un mezzo che ripuliva le piste e non rimessa a posto. Anche il fidanzato della sorella del 15enne aveva detto di non aver visto quel giorno ne’ bandiere ne’ cartelli con la segnalazione del rischio. (Adnkronos)

Leggi anche:
Riccardo, morto a 15 anni per il brivido dello sci fuoripista