Tuffo di Capodanno nel Tevere: quest’anno “dedicato” a Stamina

Foto: archivio
Foto: archivio

Roma, 1 gennaio 2014 – E’ una tradizione romana da decenni, ma quest’anno il tradizionale tuffo nel Tevere a Capodanno, eseguito da ‘Mister Ok’ e dai suoi emuli, ha lanciato anche un messaggio di sensibilizzazione: “Italiani sveglia! Si’ alla vita, si’ a Stamina”. E’ la frase che Simone Carabella, attivista del comitato No Inc di Albano che da quattro anni ormai si tuffa nel Tevere, portava scritta sulla schiena prima di lanciarsi da Ponte Cavour. Dietro, a sostenerlo e incoraggiarlo, decine di attivisti ‘Pro Stamina’ del movimento Civico 117 A, che hanno marciato in un piccolo e festoso corteo fino al ponte nel cuore di Roma, per poi lanciare i palloncini multicolori divenuti il simbolo della loro battaglia per la liberta’ di cura con il controverso metodo a base di cellule staminali mesenchimali. (AGI)