Ruba la spesa e si barrica dentro l’auto

polizia38Immigrata denunciata per furto. Cliente abituale, aveva sottratto cibo e capi di biancheria

Pordenone, 3 gennaio 2014 – Sarà la crisi, sarà anche un vizietto diffuso ad ogni latitudine. Fatto sta che è diventata quasi una moda, stante il numero sempre più crescente di casi, quella di fare la spesa “gratis” nei centri commerciali e nei supermercati.
L’ultimo, di una lunga scia di episodi avvenuti anche in esercizi commerciali della destra Tagliamento, si è verificato nella mattinata di ieri, al supermercato Eurospin di via Val Montanaia, a Spilimbergo. E si è concluso con una denuncia a piede libera per la protagonista.
Erano da poco passate le 11.30, quando un’immigrata extracomunitaria, di origini marocchine, residente a Istrago, frazione della città del mosaico – a detta del personale dell’Eurospin, una cliente abituale del market – dopo aver girovagato fra gli scaffali, ignara di poter essere colta in flagrante, ha sottratto del cibo e dei capi di biancheria intima, riponendoli in una borsa e passando dalla cassa senza pagare il conto.
Una volta scoperta, la donna, inseguita dalla commesse, si è diretta velocemente verso la propria automobile, barricandovisi all’interno.
Solo la prontezza delle addette alle vendite, esasperate da una situazione che si ripeterebbe da tempo, secondo quanto racconta il comandante della Polizia locale di Spilimbergo, tenente Gianni Ambotta, intervenuto con i suoi uomini sul posto dopo la segnalazione, ha impedito alla donna di darsi alla fuga.
Gli agenti della municipale spilimberghese, dopo aver invitato l’immigrata a scendere dall’auto l’hanno condotta al comando, in piazzetta Tiepolo, sede del municipio cittadino. Dopo aver provveduto all’identificazione, hanno accolto la denuncia presentata dalla responsabile del supermercato.
Per la donna, che si era impossessata di merce per un controvalore di una trentina di euro circa (delle refurtiva a parte la biancheria intima facevano parte pollame e pezzi di formaggio) è scattata l’accusa per furto. È stata denunciata in stato di libertà.
L’episodio avvenuto all’Eurospin è emblematico di come, anche per poche decine di euro, sempre più persone si trovano coinvolte in situazioni spiacevoli. Spiacevoli per loro stesse ma anche per chi sta dall’altra parte, commercianti e titolari di esercizi pubblici, i quali, spinti da compassione, evitano non poche volte di presentare denuncia nei confronti degli autori dei furti.
«Non sempre però è giusto chiudere un occhio – taglia corto l’assessore spilimberghese al welfare Marco Dreosto – Non foss’altro perchè quando e dove può l’amministrazione comunale fa la sua parte, con aiuti sociali, per non parlare delle meritoria opera di volontariato di associazioni come la Caritas».

Guglielmo Zisa
Fonte: Messaggero Veneto