Continuano le ricerche di Christiane: la prof avvistata a Saint Pierre e Saint Nicolas

Christiane SeganfreddoAosta, 4 gennaio 2013 – Nevica e forse nevicherà fino a domattina tra i casolari abbandonati dell’alta Valle d’Aosta dove potrebbe aver trovato rifugio Christiane Seganfreddo, l’insegnante aostana di 43 anni, madre di un bimbo di due anni, che si è allontanata da casa lo scorso 30 dicembre, dopo una diagnosi di una malattia agli occhi. I soccorritori sono ripartiti stamani per cercarla tra i comuni di Villeneuve, Saint-Pierre e Saint-Nicolas, dove è allestito il posto di comando avanzato.

La storia. «Un problema agli occhi vissuto male» da lei, madre di un bimbo di due anni, stimata insegnante di arte e disegno alle scuole medie e appassionata della montagna e delle sue bellezze. C’è questo, secondo gli inquirenti, alla base dell’allontanamento di Christiane Seganfreddo, la 43enne di Aosta che manca da casa da cinque giorni. Se ne è andata a piedi, all’alba del 30 dicembre, senza lasciare messaggi per «una sopravvalutazione del suo stato di salute, che potrebbe averla portata in confusione, in panico», spiega il questore di Aosta Maurizio Celia, impegnato in prima persona nelle ricerche.

Con il passare dei giorni crescono le speranze di trovarla viva grazie alle testimonianze concordanti raccolte dalla squadra mobile e che attestano nella giornata di ieri la sua presenza nelle frazioni alte di Saint-Pierre e Saint-Nicolas, dove si sono concentrate le ricerche. «Triste e sconsolata»: è apparsa così Christiane alle due persone che l’hanno notata mentre camminava sul lato destro della strada che dalla frazione di Meod conduce al villaggio di Verrogne. In un caso ha chiesto indicazioni per un sentiero, decidendo però di proseguire lungo la strada asfaltata.

Per Celia «non ci sarebbero state ricerche per un allontanamento volontario se non ci fosse la seria preoccupazione di un pericolo di vita: con queste condizioni climatiche nessuno può sopravvivere diversi giorni senza avere un rifugio». Si pensa quindi a un fienile, a un rudere tra le case vacanze in parte disabitate, o a «qualcuno che, in buona fede, le dia assistenza». Intanto sono state senza sosta le ricerche tra i villaggi delle frazioni alte dei comuni di Saint-Pierre e Saint-Nicolas, nell’alta Valle d’Aosta, fino a 1.700 metri di quota dove la neve è più abbondante. Divisi in 13 squadre, in 60 tra personale di vigili del fuoco, soccorso alpino, guardia di finanza e corpo forestale hanno cercato Christiane anche con cani da ricerca. Perlustrati dirupi e luoghi chiusi: sparsi tra le case ristrutturate non mancano ruderi facilmente accessibili, Christiane potrebbe essersi rifugiata lì. Ma non si trascura alcuna ipotesi, e così sono passate al setaccio anche le vasche per l’irrigazione, colme d’acqua e ricoperte dal ghiaccio. Le ricerche non si fermano nemmeno di notte, almeno lungo le strade carrozzabili. E domani è previsto che le squadre continuino a setacciare le case dei villaggi in cui è stata segnalata la sua presenza.

Fonte: Il Messaggero