Richiedente asilo dà in escandescenza e aggredisce operatori centro accoglienza

polizia37Roma, 5 gennaio 2014 – Ospite presso un centro di accoglienza a Fiumicino e già convocato dall’Ufficio Immigrazione per l’istruttoria relativa alla sua richiesta di asilo politico, un somalo di 21 anni, ieri mattina, senza un nessun motivo apparente, ha iniziato ad andare in escandescenza aggredendo gli operatori del centro e danneggiando la porta di ingresso.

Gli operatori, spaventati e decisi ad allontanarlo dal centro, hanno telefonato immediatamente al 113. Quando gli agenti del Commissariato Fiumicino, diretto da Filiberto Mastrapasqua, sono arrivati sul posto, hanno richiesto allo straniero di esibire il permesso di soggiorno e lo hanno seguito in camera. Il giovane ha cercato di convincere i poliziotti ad aspettarlo fuori dalla stanza ma, insospettiti dall’atteggiamento del ragazzo, sono entrati con lui.

Quando il giovane ha aperto il cassetto per prendere il permesso di soggiorno, gli agenti si sono accorti immediatamente della presenza di marijuana. Hanno così deciso di perquisire la camera. Durante l’attività di controllo, hanno trovato 6 buste in cellophane sigillate e altri due involucri contenenti la stessa sostanza per un peso di circa 160 grammi. Sequestrati anche 2 bilancini di precisione, 2 macinini e numerose bustine in cellophane per il confezionamento della sostanza stupefacente. Accompagnato negli uffici del Commissariato, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente e denunciato anche per danneggiamento. (Adnkronos)