Viaggio di 170 km per partorire 2 gemelli: una neonata è morta, critiche le condizioni del fratellino

ambulanzaTra sabato e domenica ci sono volute sette ore per il trasferimento

Domodossola, 7 gennaio 2014 – È morta questa notte nell’ospedale di Alessandria la piccola Aurora, una dei due gemellini che erano venuti alla luce domenica dopo un viaggio di 170 chilometri da Domodossola. Restano critiche le condizioni del fratellino Cristian, al momento ancora ricoverato nel reparto di patologia neonatale.

I due gemellini erano nati dopo un’odissea di sette ore. La madre, al sesto mese di gravidanza, era arrivata sabato sera al Dea del San Biagio di Domodossola manifestando i sintomi di un parto prematuro. I medici avevano subito deciso il trasferimento in un centro più attrezzato. Era quindi partita una richiesta all’ospedale Maggiore di Novara, ma il reparto di neonatologia non aveva posto per ricoverare la donna.

«Quello di Alessandria era il solo ospedale in grado di ricevere la partoriente» spiega Fabrizio Comaita, segretario della Federazione dei medici pediatri del Vco. Era notte e quindi l’elicottero non poteva alzarsi in volo, necessitava quindi un trasferimento in ambulanza. «Peccato che la sola medicalizzata fosse impegnata in un altro trasporto urgente – spiega Comaita – Un’ambulanza è partita da Verbania per risalire sino a Domodossola e poi correre ad Alessandria: 170 chilometri».

Renato Balducci
Fonte: La Stampa

Leggi anche:
Un’odissea di 170 km e 7 ore per partorire