AAA, cercasi lavoro ”Vi prego aiutatemi a rimanere onesto”

cerco lavoroDisoccupato tappezza i muri di volantini ”Dall’idraulico al muratore, faccio tutto. A casa ho 4 figli”

Bolzano, 8 gennaio 2014 – Angelo, 40 anni, padre di quattro figli, cerca un lavoro disperatamente. E’ talmente deciso che ha tappezzato Don Bosco e Bolzano Sud di volantini sui quali si definisce “Tuttofare italiano”, si racconta in poche stringatissime righe, spiega quel che sa e può fare e allega numero di telefono 380/6314431.
«Chiamatemi ed aiutatemi a rimanere onesto! Non accetto elemosine, non voglio soldi, non ho bisogno di sostegno morale o materiale, sono sano, forte, corretto. Voglio solo lavorare ma mi manca l’italico fondamento: la raccomandazione».
Angelo non vuole il nome sul giornale «per carità se poi capita in mano ai miei figli… non ci voglio nemmeno pensare» ma è un fiume in piena.
«Anni fa sono arrivato dal Sud a Trento per cercare il lavoro che poi ho trovato. Sono stati anni belli, vivaci, pieni di amore e anche di soddisfazione. Poi ho voluto fare il salto di qualità perchè un’altra azienda mi aveva offerto un posto migliore. Cosa volete che vi dica… mi allettava così ho lasciato la strada vecchia per la nuova sperando in bene. E così è effettivamente andata per qualche tempo ma poi quando è arrivata la crisi e la ditta ha dovuto tagliare sono stato tra i primi a vedermi cancellare. I capi mi hanno ringraziato per “l’ottimo lavoro svolto” ma mi hanno anche spiegato senza troppi giri di parole che dovevano fare a meno di me. E anche in fretta. Così mi sono trovato sulla strada da un giorno all’altro». Scusi ma perchè non ha cercato un lavoro a Trento? «Ho cercato un’occupazione adatta alla mia qualifica ma non l’ho trovata e siccome non voglio che i miei figli sappiano che adesso sono disposto a fare proprio di tutto… tutti i giorni saluto Trento e vengo a Bolzano a fare quel che riesco». Ma cosa è disposto a fare?
«Pitturo case, mi do ai piccoli lavori di idraulica, sistemo impianti satellitari, riparo elettrodomestici di tutti i tipi e me la cavo benone anche con i lavori di piccola falegnameria». La lista del “tuttofare italiano” è infinita. Sistema e pulisce giardini, riordina scantinati, fa le pulizie dove serve, ripara biciclette e motorini, fa la manutenzione delle auto (freni, marmitta, ammortizzatori ecc.) e ancora offre la sua disponibilità per i traslochi. «Diciamo che sono pronto a qualsiasi tipo di occupazione mi vogliano offrire anche se fino ad ora non è andata bene. Mi hanno telefonato molti anziani che avevano da riparare questo e quello e mi sembrava che avessero più bisogno di soldi loro di me… in qualche caso non ho chiesto niente ma i miei figli devono pur vivere!».

Valeria Frangipane
Fonte: Alto Adige