L’auto va in fiamme, in manette la ex: riconosciuta dal cappello

Foto: archivio
Foto: archivio

Reggio Emilia, 8 gennaio 2014 – Arrestata 36enne che in preda alla gelosia ha dato alle fiamme l’auto dell’ex compagno autotrasportatore, una Renault Laguna, a San Polo d’Enza. Poco dopo le due, la donna ha consumato la sua vendetta, nonostante la denuncia per maltrattamenti della scorsa estate proprio nei confronti dell’uomo, danneggiando anche un’altra vettura. A tradire il suo piano, non solo la latta di 5 litri di benzina e l’accendino lasciati li vicino, alcune testimonianze sull’allontanamento dell’autore a bordo di un’utilitaria azzurrina, nonchè il rinvenimento di un cappello in pile nero con pellicciotto, riconosciuto dalla vittima, come dell’ex compagna.

La 36enne, che ha addotto alla base del gesto un atto ritorsivo per il poco tempo trascorso con la figlia a causa della nuova compagna, dovrà rispondere di incendio e danneggiamento, nonchè abbandono di minori, dal momento che per compiere la vendetta ha lasciato, sola in casa, la figlia minore. (Adnkronos)