La casa ‘a sua insaputa’: pm, ”incredibile che Scajola non si sia reso conto”

casa scajolaRoma, 9 gennaio 2014 – “Non e’ proprio possibile credere alla tesi della difesa secondo cui Claudio Scajola non si e’ reso conto che qualcuno al suo posto versasse una somma cosi’ enorme (cioe’ un milione e 100mila euro) per l’acquisto dell’immobile di via del Fagutale 2. Scajola era consapevole benissimo che c’era stata una prestazione ulteriore, magari senza conoscerne l’esatto importo”. Lo hanno affermato i pm Ilaria Calo’ e Roberto Felici che hanno chiesto la condanna dell’ex ministro dello Sviluppo Economico e dell’imprenditore Diego Anemone a tre anni di reclusione per concorso in finanziamento illecito oltre al pagamento di una multa di due milioni di euro. Per i magistrati il dibattimento ha provato che fu Diego Anemone a versare i soldi per l’acquisto dell’immobile e per i lavori di ristrutturazione, protrattisi in quell’appartamento a due passi dal Colosseo almeno fino al 2006 (senza cosi’ alcun rischio di prescrizione del reato). “Si sapeva sin dall’inizio che Scajola avrebbe beneficiato dell’affare immobiliare”. “Questa vicenda – hanno detto i pm Felici e Calo’ – e’ gravissima per l’entita’ del dolo anche perche’ rientra nell’ambito di un esteso sistema corruttivo contestato, in altro procedimento, ad Anemone che risponde anche di associazione per delinquere finalizzata al compimento di reati contro la Pubblica amministrazione dal 1999 al 2010”. In questo lasso di tempo, a parere della procura, “l’imprenditore ha ottenuto appalti per oltre 300 milioni di euro infiltrando con il suo gruppo le istituzioni ai piu’ alti livelli”. Secondo i magistrati “i soldi utilizzati per l’acquisto e la ristrutturazione della casa di Scajola non sono un fatto isolato ma rappresentano uno dei tanti episodi di patente corruzione a cui occorreva dare una veste politica”.
Stando ai pm, le “ragioni di questa elargizione, di cui ha beneficiato Scajola, erano dirette al perseguimento di un arricchimento economico privato e personale che ha animato Anemone”. (AGI)

Leggi anche:
La casa ‘a sua insaputa’, Scajola rischia 3 anni