Omicidi a picconate: Riesame, perizia su Kabobo entro il 20

KaboboMilano, 8 gennaio 2014 – Entro il 20 gennaio prossimo il perito medico-legale dovra’ depositare la sua relazione sulla compatibilita’ o meno con il regime carcerario delle condizione di salute di Adam ‘Mada’ Kabobo, il ghanese che lo scorso 11 maggio uccise a colpi di piccone tre passanti a Milano. Lo ha stabilito il Tribunale del Riesame del capoluogo lombardo nell’udienza di oggi per il conferimento dell’incarico peritale. In sostanza, in poco piu’ di dieci giorni il medico legale nominato dai giudici, Marco Scaglione, dovra’ sottoporre Kabobo ad alcune visite e valutare se le sue condizioni, soprattutto dal punto di vista psichiatrico, siano compatibili o meno con la sua detenzione nel carcere milanese di San Vittore. I legali dell’immigrato, gli avvocati Benedetto Ciccarone e Francesca Colasuonno, hanno presentato, infatti, ricorso al Riesame per chiedere una perizia e il successivo trasferimento di Kabobo in un luogo di cura, sempre in regime di custodia cautelare. Il perito dovra’ valutare quindi se a San Vittore il ghanese puo’ ricevere adeguate cure date le sue condizioni o se, invece, in altre strutture dell’amministrazione penitenziaria potrebbe essere sottoposto a un trattamento piu’ adeguato. La relazione del medico verra’ discussa in un’udienza fissata per il 27 gennaio e poi il Riesame, sulla base degli esiti della perizia, decidera’ se trasferire o meno Kabobo. Intanto, e’ fissato per il prossimo 6 febbraio il processo con rito abbreviato a carico del ghanese che, stando ad una perizia psichiatrica disposta dal gip, soffre di una forma di schizofrenia ma non era incapace di intendere e di volere al momento dei fatti. (ANSA)

Leggi anche:
Raid con piccone, Kabobo non infermo
Kabobo: sarà processato con rito immediato
Omicidi a picconate: Kabobo tenta strangolare compagno cella
Difesa di Adam Kabobo ”approfondire la perizia”
Uccise tre persone a picconate, Kabobo vuole lasciare il carcere
Perizia su Kabobo per valutare ”compatibilità di salute con il carcere”
Kabobo: via al processo il 6 febbraio