Mark Duggan, ucciso a Londra nel 2011: scagionati i poliziotti

mark dugganLondra, 10 gennaio 2014 – Nessun colpevole per l’uccisione di Mark Duggan, l’uomo assassinato dalla polizia a Londra nell’agosto 2011 perché sospettato di possedere una pistola. I poliziotti che lo uccisero dopo un inseguimento sono stati scagionati da un tribunale della capitale.

Il 4 agosto del 2011 Mark Duggan, considerato dalla polizia britannica tra i 50 criminali più pericolosi d’Europa, era stato avvistato nell’atto di comprare una pistola da Kevin Hutchinson-Foster, arrestato e poi condannato a 11 anni di carcere lo scorso febbraio.

La segnalazione arrivò alla polizia, che inseguì Duggan, nel frattempo salito a bordo di un taxi. La vettura fu fermata su un ponte nella zona di Tottenham, dove i poliziotti hanno poi fatto fuoco all’indirizzo dell’uomo, che cercava di scappare. Duggan fu raggiunto da due colpi di pistola al braccio e al petto e morì poco dopo. La notizia della sua morte scatenò una serie di rivolte e di scontri non solo a Londra, ma in tutto il paese, che coinvolsero migliaia di persone.

Ora è arrivata la decisione della Corte, che ha scagionato i poliziotti accusati di omicidio. Per il tribunale, l’uccisione è da considerare legale perché c’erano “sospetti fondati” che l’uomo potesse essere armato. La polizia, tuttavia, non ha mai ritrovato la pistola dell’uomo e sostiene che l’abbia gettata durante l’inseguimento.

La famiglia di Duggan ora chiede a gran voce giustizia, sostenendo che non si possano scagionare i poliziotti per aver ucciso un uomo disarmato. Secondo i legali della famiglia Duggan, la polizia ha voluto incastrare l’uomo per far assolvere gli agenti. Si temono ripercussioni in tutto il paese e l’allerta è massima.

Fonte: Il Messaggero