Mamma con neonato fanno da ‘palo’, 14 furti bancomat Mps

carabinieri4Pesaro, 20 gennaio 2014 –  Quattordici furti con la ‘forcella’ messi a segno ai danni di sportelli bancomat del Monte dei Paschi nelle province di Pesaro Urbino, Ancona e Macerata, sempre con una giovane donna con un neonato in braccio a fare da ‘palo’. La donna, il bimbo, e un uomo erano stati fermati casualmente dai carabinieri per un controllo, insieme ad un’altra donna, nel giorno di uno dei furti, il 22 giugno 2013 a Pergola: incrociando le immagini a circuito chiuso delle filiali Mps si e’ scoperto che i volti, gli indumenti e il bimbo erano gli stessi del gruppo che viaggiava a bordo di una Bmw nera noleggiata in Toscana e controllata a Pergola. Dopo mesi di indagini, i militari hanno chiesto e ottenuto dal gip di Pesaro tre ordinanze di custodia cautelare a carico della banda, composta da tre romeni: Dorin Cosmi Beznila, Silviu Florin Palade e Mihaela Rodica Ciocan. Sono accusati di 14 furti commessi a tempo di record il 21 e 22 giugno scorsi, per un bottino complessivo di oltre 12 mila euro. La tecnica e’ quella ormai nota del cash trapping: con una semplice pinza i ladri prelevavano il denaro dalle casse bancomat grazie a carte prepagate rilasciate da Mps. Le schede consentivano di fare un primo prelievo da 20 euro, agganciare la pinza ad una banconota e tirare fuori fino a 980 euro. Muniti di una mappa dettagliata di tutte le filiali da ‘ripulire’, i romeni agivano a colpo sicuro per furti in serie nell’arco delle 24 ore. (ANSA).