Torna libera la suora che abusò della ragazzina morta poi suicida a 26 anni

suoraCancellati gli arresti domiciliari. La suora ora dismetterà l’abito talare

Varese, 20 gennaio 2014 – Cancellati gli arresti domiciliari alla suora accusata di aver molestato sessulamente una ragazza che frequentava l’oratorio di Sant’Edoardo, poi suicidatasi a 26 anni nel 2011. La decisione di liberare la religiosa, 53 anni, è del tribunale del Riesame di Milano e arriva alla vigilia dell’inizio del processo, previsto per il 26 febbraio. Il collegio giudicante ha accolto il ricorso dell’avvocato Fabrizio Busignani sul provvedimento di custodia cautelare emesso dal gip di Busto Arsizio nel settembre scorso. La suora – che ora dismetterà l’abito talare e che prima lavorava in una comunità in zona Rho – è stata prima nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere, nel Mantovano, poi ai domiciliari in casa del fratello. Secondo l’accusa la religiosa avrebbe abusato per anni di una ragazza che frequentava l’oratorio dove prestava servizio. Le molestie sarebbero iniziate nel ’98, quando la giovane era ancora minorenne. La vicenda venne alla luce dopo il suicidio della ragazza.

Fonte: Il Giorno

Leggi anche:
Vittima di abusi sessuali in parrocchia si suicidò, alla sbarra una suora
Si suicida a 26 anni, rinviata a giudizio la suora accusata degli abusi