”Va curato ma è pericoloso”, i dettagli della perizia di Kabobo

kobodoMilano, 21 gennaio 2014 – Adam Kabobo, il giovane ghanese che nel maggio scorso uccise a picconate tre persone a Milano “soffre di una psicosi schizofrenica grave e cronica e per curarlo la collocazione più adeguata è una struttura che consenta di attenuare le conseguenze della patologia psichiatrica cronica di cui soffre”. E’ quanto, in sostanza, afferma il medico legale Marco Scaglione nella sua perizia psichiatrica affidatagli dal Tribunale del Riesame di Milano per stabilire la compatibilità delle condizioni di salute del ghanese con il carcere. Tuttavia, secondo la perizia, Kabobo “continua a restare socialmente pericoloso e per questa ragione deve essere tenuto costantemente sotto controllo”.

La perizia di Scaglione si integra con quella dello psichiatra Ambrogio Pennati e la criminologa Isabella Merzagora che in una precedente perizia avevano ritenuto che il giovane ghanese potesse essere processato perchè capace di intendere e di volere. A questa perizia si erano di fatto opposti i legali di Kabobo che restano ora in attesa che il 27 gennaio prossimo il caso sia discusso davanti al Tribunale del Riesame. Kabobo attualmente si trova rinchiuso nel carcere di San Vittore. (Adnkronos)

Leggi anche:
Raid con piccone, Kabobo non infermo
Kabobo: sarà processato con rito immediato
Omicidi a picconate: Kabobo tenta strangolare compagno cella
Difesa di Adam Kabobo ”approfondire la perizia”
Uccise tre persone a picconate, Kabobo vuole lasciare il carcere
Perizia su Kabobo per valutare ”compatibilità di salute con il carcere”
Kabobo: via al processo il 6 febbraio
Omicidi a picconate: Riesame, perizia su Kabobo entro il 20
I periti su Kabobo, ”no al carcere, va trasferito in un ospedale psichiatrico”