Camorra: partita truccata da clan, c’è anche Giuseppe Giannini tra gli indagati

giuseppe gianniniRoma, 22 gennaio 2014 – C’e’ anche l’ex capitano della Roma e giocatore della nazionale italiana, Giuseppe Giannini, ‘il principe’ per tutti i tifosi giallorossi, tra gli indagati nell’ambito dell’inchiesta anti-camorra che oggi ha portato all’arresto di 90 persone. Giannini e’ indagato per frode sportiva con l’aggravante della finalita’ mafiosa, per fatti risalenti alla stagione 2008/2009 del campionato di Lega Pro, girone B, quando allenava la squadra del Gallipoli. Salvatore e Ivano Righi (rispettivamente padre e figlio), membri della famiglia che a Roma riciclava il denaro del clan camorristico Contini, si sarebbero attivati per convincere alcuni calciatori del Real Marcianise a perdere un incontro con il Gallipoli per permetterle di essere promossa in serie B, cosa che poi avvenne. I due avrebbero raggiunto un accordo proprio con Giannini e Luigi Dimitri (direttore sportivo della squadra pugliese) per consegnare la somma di 50mila euro ai calciatori del club avversario. (AGI)