Precipita elicottero dell’Esercito: velivolo ritrovato in un torrente: 2 morti

Il generale Giangiacomo Calligaris
Il generale Giangiacomo Calligaris

Viterbo, 23 gennaio 2014 – Un elicottero è caduto in una zona tra Marta e Tuscania, vicino a Viterbo. Il relitto è stato ritrovato. Due ufficiali dell’esercito che erano a bordo sono morti.
In quella zona l’Enel ha segnalato una linea elettrica aerea tranciata. Lo si apprende, in una nota, dei vigili del fuoco del Lazio.

A bordo dell’elicottero dell’esercito caduto nel viterbese, un AB 206, in volo di addestramento, c’era il generale Giangiacomo Calligaris, 57 anni, capo dell’aviazione dell’esercito (Aves). Insieme con lui sul velivolo il tenente Paolo Lozzi, 25 anni, originario di Montefiascone. Entrambi sono morti nello schianto. Sembra che l’elicottero abbia tranciato un cavo dell’alta tensione. Calligaris comandava l’Aves dal primo marzo dello scorso anno.

Le ricerche del velicolo erano in corso da questa mattina. L’elicottero dell’esercito era sparito nel nulla durante delle esercitazioni militari. Carabinieri e forze di polizia hanno perlustrato una vasta zona tra Viterbo, Tuscania, Marta e Montalto di Castro.

L’esercitazione militare era iniziata questa mattina presto nella base militare di Viterbo, e verso le 11,30 gli operatori alla sala controllo hanno scoperto che il segnale radar dell’elicottero era sparito.

Il velivolo verso le 10 è stato visto da alcuni automobilisti atterrare in una zona boscosa vicino alla strada provinciale Dogana, tra Montalto di Castro e Tuscania.
Fonte Il Messaggero