Aveva una serra per marijuana nel pollaio, arrestato

polizia-di-statoRoma, 26 gennaio 2014 – Una serra per la coltivazione della marijuana nascosta in un pollaio, nella provincia di Viterbo. È quanto hanno scoperto gli agenti del commissariato Trevi, diretto da Gaetano Todaro, partendo da alcuni servizi antidroga svolti nelle vicinanze di Campo de’ Fiori, a Roma. È stato proprio grazie agli sviluppi investigativi di un’indagine su alcuni abituali utilizzatori di sostanze stupefacenti, che i poliziotti sono riusciti ad individuare e ad arrestare un altro produttore di rilievo nel mercato della capitale.

Questa attività di indagine aveva condotto già alcuni mesi fa all’individuazione nel comune di Rocca Priora di una villa-laboratorio completamente adibita a serra, con oltre 500 piante mature ed in fiore. I clienti, abituali frequentatori del centro storico di Roma, rimasti senza fornitori hanno iniziato a rivolgere la loro attenzione ad altri spacciatori.

L’indagine ha avuto una svolta quando uno di questi clienti, abilmente pedinato, si è recato in un fondo adibito alla coltivazione di nocciole a Carbognano, paese della provincia di Viterbo, e qui ha intrattenuto per diversi minuti un colloquio con un contadino locale. Ad insospettire i poliziotti, guidati da Antonino Mendolia che ha condotto le operazioni, che proprio da lì provenisse lo stupefacente è stato un particolare, l’elevata temperatura all’interno di una struttura apparentemente adibita a pollaio.

Quando, infatti, lo scorso mercoledì, gli agenti sono entrati in azione, dando seguito ad un decreto di perquisizione disposto dalla procura di Viterbo, hanno scoperto che il pollaio aveva un ingresso nascosto dietro le gabbie utilizzate dalle galline come cova. All’interno gli agenti hanno trovato una vera e propria serra con tanto di impianto di irrigazione e areazione del locale, oltre a lampade e fertilizzanti, una parte della quale era allestita come laboratorio per il confezionamento dello stupefacente.

E’ stato trovato inoltre un un bilancino di precisione, materiale per la preparazione delle dosi, una macchina per il sottovuoto ed una videocamera per la sorveglianza. I poliziotti hanno anche scoperto una seconda stanza, abilmente occultata da una fitta coltre di vegetazione e materiale di campagna, utilizzata per l’essicazione delle piante di marijuana.

Di fronte all’evidenza M.R., 55enne contadino viterbese, non ha potuto negare la sua reale attività, facendo trovare agli investigatori anche una discreta quantità di stupefacente sotterrata ai piedi di alcuni alberi di nocciole che lui stesso aveva riposto per eludere eventuali controlli. L’attività, svolta con la preziosa collaborazione della squadra mobile di Viterbo, ha infine permesso di denunciare in stato di libertà anche un collaboratore di M.R. Le indagini degli investigatori proseguono ora per individuare le persone incaricate di distribuire il prodotto al dettaglio. (Adnkronos)