Morto Rocky, l’uomo che ha vegliato la tomba della moglie per 20 anni. «Ora sono insieme»

Rocky Abalsamo
Rocky Abalsamo

Boston, 28 gennaio 2014 – La moglie muore in un intervento e lui veglia sulla sua tomba per 20 anni. Rocky Abalsamo ha finalmente raggiunto l’amata moglie, dopo aver vegliato la sua lapide per 20 anni.

La storia d’amore sta commovendo il mondo. Rocky perse Julia nel 1993 a causa di un complicato intervento chiururgico ma l’amore per la moglie era talmente forte che non è mai riuscito completamente a staccarsi da lei e per 20 anni, ogni giorni, con qualunque condizione atmosferica, l’uomo andava al cimitero e si sedeva vicino alla tomba dell’amata.
Questo fino allo scorso 22 gennaio, quando all’età di 97 anni Rocky è morto raggiungendo la sua Julia nella tomba accanto.

L’uomo era conosciuto da tutti e da tutti amato, nessuno lo disturbava durante le ore passate con la moglie. Ogni mattina salutava Julia dicendole: «Eccomi, sono qui», apriva la sua sedia blu e stava con la moglie. Non mangiava, né andava in bagno per rispetto del luogo e la notte cospargeva di briciole la tomba in modo che gli scoiattoli potessero farle compagnia quando lui non c’era.
Le persone si erano affezionate a lui e alla sua storia, c’era chi gli portava del cibo, chi bevande calde o indumenti nei giorni più freddi, quasi tutti mettevano un fiore sulla tomba della moglie per salutarla.

L’ultima visita alla moglie risale allo scorso luglio: «Si è ammalato stando sempre al freddo», ha raccontato la figlia Angela al Daily Mail, «Ho provato a dirgli che non stava bene, ma non riusciva a lasciare la tomba di mamma».

di Alessia Strinati

Fonte Il Mattino