Maltempo, paura e caos a Roma. Frana su baracche di immigrati

alluvione roma 31 gennaio1Roma, 31 gennaio 2014 – Pesanti disagi in molte regioni per la nuova ondata di maltempo che ha investito l’Italia. Particolarmente difficile la situazione a Roma dove piove in maniera massiccia dalla notte: il violento nubifragio ha letteralmente mandato in tilt il traffico per effetto anche della chiusura di alcune stazioni metro. Tragedia sfiorata a via Umberto Moricca, all’Aurelio, dove una frana ha travolto alcune baracche e i vigili del fuoco, prontamente intervenuti, hanno salvato un gruppo di immigrati. Lo straripamento di un torrente ha allagato la zona di Prima Porta, dove alcuni residenti hanno cercato riparo sui tetti.
Rocambolesco salvataggio d una donna incinta in zona Aurelio: e’ servito un gommone messo a disposizione dai vigili del fuoco per consentire ai sanitari del 118 di Roma di soccorrere una puerpera che accusava forti dolori, probabilmente doglie, e che era bloccata in casa a causa degli allagamenti seguiti alla forte ondata di maltempo. Gli operatori del 118 hanno dovuto parcheggiare l’ambulanza a una certa distanza dalla casa, in via Paolo Medolaghi in zona Aurelio, del tutto irraggiungibile perche’ allagata. L’infermiera del 118 pero’, lasciata l’ambulanza dall’altra parte della via inondata da oltre mezzo metro d’acqua, ha dovuto utilizzare il gommone della Protezione Civile per raggiungere l’abitazione della donna, alla 37ma settimana di gravidanza. Per ripotrarla all’ambulanza, neanche il gommone e’ bastato, si e’ dovuto ricorrere a un trattore per “guadare” il fiume di acqua e fango che di fatto aveva isolato la via.
Nella Capitale il traffico e’ andato letteralmente in tilt: problemi sul Gra e sulla Roma-Fiumicino, a Ostia e Acilia, con pesanti conseguenze sul traffico locale e su quello verso la citta’. Il sindaco Marino ha convocato in Campidoglio una speciale unita’ di crisi (ma “non ci sono evacuazioni in corso”) e la protezione civile a causa delle “condizioni straordinarie” ha invitato tutti i cittadini a “limitarsi ad effettuare solo gli spostamenti strettamente necessari”. Il maltempo crea problemi in tutto il centro-sud. A Pisa e’ allerta per la piena dell’Arno: piu’ di settanta i militari dell’Esercito impegnati da stamattina nel montaggio delle paratie di rinforzo sul lungarno Mediceo. In citta’, chiusi uffici pubblici e scuole di ogni ordine e grado.
Notte difficile con piogge intense anche nella zona di Pistoia, Livorno e Grosseto. Numerose le provinciali non percorribili per frane e allagamenti. Un forte vento di scirocco ha bloccato tutti i collegamenti tra Napoli e le isole del golfo: annullate le partenze sia dei mezzi veloci che dei traghetti.
Collegamenti in tilt e disagi per i pendolari. Al nord migliora progressivamente la situazione in Liguria, mentre le forti nevicate delle ultme 24 ore sono all’origine di un nuovo black out elettrico in Cadore, nel bellunese, e dello stop alla circolazione ferroviaria sulla linea Padova-Calalzo. Secchia e Panaro sotto stretta osservazione nel modenese mentre nel bolognese si segnalano numerosi smottamenti sulle strade dell’Appennino; preoccupa la piena del Reno. (AGI)