Assolti in appello 6 carabinieri perché “il fatto non sussiste”

giustizia processo tribunaleFirenze, 31 gennaio 2014 – ”Sono particolarmente lieta e parlo anche a nome dei miei assistiti, che sia stata riconosciuta la totale innocenza di sei carabinieri contro le infamanti accuse mosse dal pubblico ministero Pietro Suchan”. Lo dichiara l’avvocato Maria Berardinelli, titolare della difesa dei sei imputati appartenenti al nucleo operativo del Comando dei Carabinieri di Firenze, accusati nel 2007 e condannati in primo grado nel dicembre 2012, per ”falsita’ ideologica commessa in atti pubblici, calunnia aggravata e arresto illegale nei confronti di due fratelli tunisini pluripregiudicati, indicati dai carabinieri, secondo il parere dell’accusa ‘falsamente e calunniosamente”, come possessori di sostanze stupefacenti. I sei imputati sono stati assolti ”perche’ il fatto non sussiste” lo scorso 29 gennaio dalla Corte d’appello di Firenze (sezione II). ”Sottolineo che il dott. Suchan, in questi anni, non e’ mai stato in grado di produrre alcuna prova ne’ alcun indizio a favore della sua tesi accusatoria. A questo proposito mi chiedo ancora – continua l’avv. Maria Berardinelli in una nota – a seguito della sentenza, il perche’ della scelta del Pubblico Ministero di voler indagare sei servitori fedeli dello stato che nel corso di tutto il loro servizio hanno sempre dimostrato la loro integrita’ morale. Bastano le dichiarazioni di due pluripregiudicati, per altro gia’ accusati di traffico di droga dallo stesso dott. Suchan in un altro processo, per aprire un procedimento penale? Aspetto che il dott. Suchan mi dia una risposta”. ”So bene cosa abbiano patito i miei assistiti – conclude infine il legale – hanno passato degli anni d’inferno e non ci sara’ mai nessun risarcimento in grado di poter restituire loro questo periodo trascorso ingiustamente sotto una pressione disumana. Posso solo augurarmi che possano presto riacquistare la loro serenita’ insieme alle loro famiglie”. (Adnkronos)