Catena di Sant’Antonio per guadagnare 7mila euro, denunciata l’autrice. Ai clienti chiedeva fino a mille euro

soldi banconoteAscoli, 1 febbraio 2014 – Era l’organizzatrice di una vera e propria “catena di Sant’Antonio” denominata “finanza informale”: si faceva consegnare somme di denaro comprese tra i 250 e i mille euro dai propri clienti, fidelizzati attraverso il sistema del passaparola, con la promessa di ottenere in futuro un guadagno di 7mila euro. La donna è stata incastrata grazie a un servizio mandato in onda il 30 gennaio da “Striscia la notizia”.

Subito dopo filmato, girato a San Benedetto del Tronto, la polizia ha individuato la titolare della “catena di Sant’Antonio”, M.M., nata nella provincia di Teramo e residente proprio a San Benedetto. La donna è stata denunciata in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno.
Gli agenti stanno effettuando accertamenti supplementari per individuare ulteriori responsabilità.
Fonte Il Resto del Carlino