Ragazzino gravissimo: gli rapinano il telefonino e gli spaccano la testa con il calcio della pistola

ragazzo stazioneAll’ingresso della stazione l’aggressione: il sedicenne cede l’Iphone senza resistere ma poi dice: «Perchè non mi lasciate in pace? Non ho altro».
Napoli, 1 febbraio 2014 – E’ in prognosi riservata il sedicenne aggredito da una banda di rapinatori ieri sera all’ingresso della stazione della Circum di Cercola. Il ragazzino, a quanto pare, era assieme ad alcuni amici e si accingeva a prendere il treno diretto a Somma Vesuviana – dove vive – quando un gruppo di due o tre giovani lo ha aggredito e costretto a consegnare il cellulare sotto la minaccia di una pistola.

Secondo il racconto degli amici che erano con lui al momento dei fatti, il sedicenne ha obbedito ai rapinatori cedendo il telefonino immediatamente, ma poi visto che non lo lasciavano in pace ha esclamato: “Andatevene, cos’altro vi devo dare?”.

A quel punto si è scatenata la furia di uno dei banditi che per tutta risposta lo ha colpito alla testa col calcio della pistola. La vittima è stata soccorsa e ricoverata al Cardarelli dove è tutt’ora sotto osservazione, le sue condizioni sono stabili nonostante la frattura al cranio e fortuntamente non è in pericolo di vita. I rapinatori sono riusciti a scappare ma i carabinieri di Cercola sarebbero già sulle loro tracce.

di Mary Liguori
Fonte Il Mattino