Aggredito a mazzate per l’incasso, pizzaiolo coraggioso riesce a fuggire

polizia notte10Non cede al balordo che vuole rubargli l’incasso e si rifugia in commissariato

Pero (Milano), 2 febbraio 2014 – Stava facendo i conti della giornata, quando nella pizzeria è entrato un balordo: con il volto scoperto e atteggiamento minaccioso gli ha chiesto il denaro. Ma lui ha trovato il coraggio di reagire, lo ha fatto uscire dal locale pensando di essere stato abbastanza convincente. Invece no. Qualche minuto dopo, mentre abbassava la saracinesca se l’è trovato alle spalle con una mazza in mano. Inquientante tentativo di rapina con aggressione, mercoledì sera a Pero. È successo intorno alle 22.30. Vittima un egiziano di 28 anni, titolare di una pizzeria in via Matteotti, nella frazione di Cerchiate. A quell’ora, come tutte le sere, il locale era vuoto. Dopo aver riordinato, ha aperto la cassa e mentre stava contando il denaro è entrato un giovane sui trent’anni, che si è avvicinato al bancone e ha preteso la consegna dell’incasso. Il titolare lo ha respinto con decisione, ha infilato il denaro in tasca e qualche minuto dopo è uscito per chiudere la pizzeria. Ad attenderlo sul marciapiede c’era il malvivente con in mano una mazza che lo ha minacciato di nuovo: «Dammi il denaro o sarà peggio per te». L’ostinato e coraggioso egiziano ha affrettato il passo verso la sua auto, ma il rapinatore lo ha colpito tre volte, in modo violento, facendolo cadere a terra. Il pizzaiolo si è rialzato e si è messo a correre verso il commissariato situato nei padiglioni di Fiera Milano.

Inseguito dal suo aggressore ha percorso diverse centinaia di metri. Quando è arrivato all’ingresso della Fiera è stato soccorso da un addetto alla vigilanza. Il malvivente a quel punto si è dileguato rinunciando al bottino. Raggiunto dagli agenti del commissariato, il pizzaiolo ha raccontato del tentativo di rapina, descritto il suo aggressore e poi è stato accompagnato al pronto soccorso dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di alcuni giorni a causa delle ferite riportate in seguito alle mazzate. Del rapinatore per ora nessuna traccia.

Roberta Rampini
Fonte: Il Giorno