Commercialista filmava di nascosto i rapporti sessuali con le 15enni Regalini e “paghette” da 200 euro

baby squillo prostituteNel registro degli indagati un 75enne. Il “covo” un appartamento al Portello. Sequestrati 50 filmati

Padova, 2 febbraio 2014 – Dieci anni di filmati hard, protagoniste ragazzine dai 15 ai 17 anni, fino ai 20. Sono pesantissime le accuse rivolte a un commercialista 75enne di Padova: l’uomo, in un appartamento al Portello, avrebbe consumato rapporti sessuali con minorenni, filmandole a loro insaputa (sono stati sequestrati 50 “filmini”, e non è escluso che qualcuno non sia già finito in rete, e mille fotografie). Le ragazzine, una ventina residenti nel Padovano, a Treviso, Vicenza e Belluno, che si prestavano al sesso con l’anziano ricevevano in cambio una “paghetta” di 200 euro o regalini griffati.

Il commercialista-tributarista del Camposampierese è finito nel registro degli indagati per violenza sessuale, molestie telefoniche, minaccia e tentata estorsione. Nel cellulare del commercialista le ragazze erano classificate con nomignoli come “Stupenda”, “Bijoux” o “Fuocovivo”.

Tutto è partito da una denuncia. Una studentessa ventiduenne, padovana, la scorsa estate ha presentato una denuncia contro un anziano che la tormentava con messaggi e fotro sul telefonino. Con quell’uomo, ha dichiarato la ragazza, anni prima aveva avuto rapporti a pagamento. L’anziano la minacciava dicendole che avrebbe messo sul web i filmati di quei rapporti. Da qui l’avvio delle indagini e la scoperta di quell’appartamento al Portello nel quale le ragazzine si prostituivano. Le vittime convocate dagli inquirenti avrebbero confermato gli incontri.

Fonte: Il Gazzettino