Ottantenni accoltellati durante una rapina: arrestato un albanese

polizia8Bari, 3 febbraio 2014 – Un giovane albanese – del quale non si e’ appreso il nome – e’ stato arrestato dalla polizia per tentativo di omicidio e rapina aggravata dopo la violenta aggressione subita stamani da due anziani di Gravina in Puglia, grosso centro della Murgia barese. La squadra mobile della questura di Bari, coordinata dal pm Bruna Manganelli, ha ora in corso indagini per individuare eventuali complici e mandanti. Durante il tentativo di rapina sono rimasti feriti Giuseppe Lucarelli, di 85 anni, ricoverato nell’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti (Bari) per un trauma maxillo facciale, e sua moglie, Gina Pappalardi, di 80, ricoverata con prognosi riservata in neurochirurgia al Policlinico di Bari per gravi ematomi, contusione cerebrale e fratture costali. I coniugi sono stati aggrediti da un uomo che si e’ introdotto nella loro abitazione verso le 9.30 di questa mattina. E’ possibile che sia stata la reazione di uno dei due anziani a scatenare la violenta aggressione del rapinatore, armato con un coltello. A carico dell’albanese (che domani comparira’ dinanzi al gip di Bari per la convalida dell’arresto), la polizia ha raccolto una serie di elementi. In particolare, vi sono le testimonianze di chi l’ha visto fuggire e l’ha poi riconosciuto. Inoltre, in una campagna vicino alla casa dei due anziani gli agenti hanno trovato un giubbotto nel quale c’erano fogli di carta su cui erano annotate indicazioni sul luogo in cui si trova l’abitazione dei due anziani. A casa dell’uomo e’ stato poi sequestrato un block notes che ha gli stessi fogli trovati nel giubbotto e del nastro isolante uguale a quello che avvolgeva il coltello abbandonato vicino alla casa degli ottantenni aggrediti. (ANSA)

Leggi anche:
Ottantenni accoltellati in casa dai ladri. Ferita anche la figlia