Aggressione con una mannaia, paura in Stazione Centrale – Video

mannaiaMilano, 6 febbraio 2014 – Un algerino di 31 anni è stato arrestato dalla Polfer, a Milano, per il tentato omicidio di un tunisino 39enne, colpito al braccio e al volto con una mannaia da macellaio lunga di 30 centimetri. L’episodio è avvenuto la sera del 4 febbraio, all’interno di uno dei sottopassaggi della Stazione Centrale. L’algerino, grazie alle immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza, è stato identificato, catturato e arrestato pochi minuti dopo, con l’accusa di tentato omicidio.
FERITE PROFONDE – L’aggressione è avvenuta in una galleria tra l’ingresso e il piano binari della stazione Fs, ed è stata immortalata da alcune delle 240 telecamere di sorveglianza presenti nello scalo milanese. Abdel Kader Farth, algerino di 31 anni irregolare e con precedenti, senza fissa dimora, ha litigato con il 39enne tunisino e a un certo punto ha iniziato a colpirlo: il ferito è stato medicato all’ospedale Niguarda con oltre 50 punti di sutura soltanto sul viso. I motivi della lite sono ignoti e comunque definiti futili; forse ha giocato un ruolo importante lo stato di alterazione alcolica del ferito e dell’aggressore, entrambi senzatetto e frequentatoriabituali della stazione.

LA SCENA – Le telecamere installate nel sottopassaggio hanno ripreso le fasi dell’accoltellamento: si vede Farth estrarre una grossa mannaia, con la quale si è avventato sul tunisino. Gli agenti hanno assistito alla scena sullo schermo e sono arrivati sul posto in tempo per vedere la via di fuga dell’algerino, fermato poco dopo in via Sammartini dopo una colluttazione in cui è stato disarmato. Il ferito è stato soccorso dal 118 e, una volta medicato, denunciato perché clandestino.
Fonte Corriere della Sera

http://youtu.be/F0QZz_ReIO4