Mori’ dopo pestaggio, Cassazione conferma 24 anni al marito

Giuseppina ZanniRoma, 6 febbraio 2014 – Verdetto della Corte di Cassazione per l’omicidio di Giuseppina Zanni, la donna di Pontecorvo (Frosinone) deceduta il 20 maggio del 1997 dopo che fu trovata in fin di vita nella sua casa. La Suprema Corte ha confermato la condanna a ventiquattro anni di carcere nei confronti del marito, Marcello Spiridigliozzi, emessa dalla Corte d’appello di Roma a fine ottobre del 2012, al termine di una vicenda giudiziaria durata molti anni. Il caso fu archiviato per ben due volte, prima di essere riaperto nel 2005. Tre anni dopo il marito fu condannato dalla Corte d’assise di Cassino, che gli inflisse 24 anni per omicidio volontario. Ma la Corte d’appello, nel 2010, decise per l’assoluzione, poi annullata con rinvio dalla Cassazione. Due anni piu tardi la sentenza della Corte d’appello di Roma, confermata adesso dai giudici della Suprema Corte.(ANSA)