Giravano fatture a suo nome ma era in cella, scoperta frode

gdfBergamo, 7 febbraio 2013 – Continuavano a girare fatture a suo nome, ma era in cella. Cosi’ la Guardia di Finanza di Bergamo ha scoperto una societa’ di facciata per produrre documentazione fasulla nel settore edile, costituita da un imprenditore bergamasco che nel frattempo pero’ era stato arrestato per altri reati. L’imprenditore, secondo quanto scrivono oggi alcuni quotidiani locali, aveva fornito i proprio dati ai clienti, in modo che si compilassero da soli le fatture. Un traffico che e’ continuato anche quando lui e’ finito in carcere. E proprio il fatto che girassero fatture a suo nome ha insospettito le Fiamme Gialle. L’imprenditore bergamasco aveva costituito la societa’ in modo che i suoi clienti potessero scaricare dalle tasse l’Iva su lavori in realta’ mai eseguiti.(ANSA).