Calci e pugni a un poliziotto, arrestato un iracheno

polizia notte11Brindisi, 8 febbraio 2014 – Un cittadino iracheno di 29 anni, Salar Abdullah Ziad, senza fissa dimora, è stato arrestato a Brindisi per aver aggredito violentemente un poliziotto con calci e pugni. L’agente aveva appena scoperto che, a differenza di quanto raccontato dallo straniero, il giovane non era più ospite, dal 2012, del Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Restinco. L’iracheno è in carcere con le accuse di resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale.

I fatti si sono verificati ieri sera nel centro di Brindisi. Un equipaggio della sezione Volanti della questura si era recato in corte Tirolo in seguito ad una segnalazione anonima al 113 di una lite in atto in quella zona. All’arrivo gli agenti hanno trovato solo il giovane, ubriaco e con diverse escoriazioni al volto e alle mani. Non aveva documenti.

Il 29enne ha raccontato di essere ospite del Cara di Restinco, ma l’ispettore di turno di vigilanza ha appurato che non era più così da un paio d’anni. A quel punto il giovane ha picchiato il poliziotto, che ha dovuto recarsi al Pronto soccorso per le ferite riportate, giudicate guaribili dai medici in 17 giorni.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno