Un intervento di chirurgia estetica mette nei guai un pregiudicato: la Dia gli sequestra i beni

diaGravina (Bari), 10 febbraio 2014 – La Direzione investigativa antimafia ha sequestrato due immobili, due autovetture e due aziende, per un valore di 500 mila euro, a un 45enne di Gravina in Puglia con precedenti per estorsione, usura, detenzione di stupefacenti, truffa e porto d’arma.
Il patrimonio, hanno accertato gli investigatori, è apparso sproporzionato rispetto le entrate lecite del suo nucleo familiare. I due immobili sono intestato all’uomo e alla figlia maggiorenne.

Nel corso delle indagini è emerso che «l’intero nucleo familiare» aveva commentato in una trasmissione televisiva «un intervento di chirurgia estetica non soddisfacente». «Il capofamiglia – rileva la Dia – si lamentava di aver così speso ventisettemila euro: di questa spesa gli agenti non hanno trovato traccia sui conti correnti».

Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia