Crivellato di colpi all’uscita della discoteca

polizia notte8Napoli, 10 febbraio 2014 – Lo hanno crivellato di colpi di pistola all’uscita del Private One, una discoteca in via Antiniana, a Pozzuoli. Maurizio Lutricuso, 24 anni, ferito all’addome e al torace, è morto durante il trasporto all’ospedale San Paolo. E’ accaduto poco dopo le quattro del mattino, a pochi passi dal locale. L’uomo, residente a Fuorigrotta, in via Consalvo, aveva precedenti penali per rapina, scippo e resistenza a pubblico ufficiale.

Sul caso sta indagando la squadra mobile. Al momento l’ipotesi principale sarebbe quella di una lite finita nel sangue. Già ascoltati alcuni amici della vittima che hanno assistito all’omicidio.

Gli investigatori stanno valutando, tra le altre, l’ipotesi di un collegamento tra l’omicidio di Maurizio Lutricuso avvenuto all’esterno di una discoteca a Pozzuoli intorno alle 4.30 del mattino, e il ferimento di un ventenne che ha detto di essere stato colpito alle gambe poco dopo le 5 al Corso Vittorio Emanuele di Napoli in seguito al tentativo di rapina dell’orologio. Tra gli elementi al vaglio degli inquirenti sia la coincidenza temporale ravvicinata tra i due fatti sia il racconto del ferito sul quale le forze dell’ordine nutrono seri dubbi.

«Nessun litigio o fatto prodromico all’evento luttuoso susseguitosi poi ha avuto origine all’interno del locale». Lo sottolinea, in una nota l’avvocato Antonino Luce, in rappresentanza del proprietario della discoteca di Pozzuoli per i fatti verificatisi alle 4.20 della scorsa notte all’esterno della struttura.

Quanto asserisce l’avvocato nasce da quanto «appurato e constatato dalle forze dell’ordine intervenute sul posto, con le quali si è collaborato fattivamente ed attivamente, e soprattutto dall’esame dei filmati di videosorveglianza della discoteca. La serata è trascorsa normalmente, nel pieno divertimento per gli avventori, senza nessun fatto anomalo e/o eventi violenti e litigiosi».

Per l’avvocato Luce «tale deprecatissimo accadimento è stato originato – come si evince anche dai filmati dell’impianto di videosorveglianza – probabilmente da discussioni scaturite da motivi di viabilità stradale nei pressi del locale». Luce conclude ricordando che «mai alcuna lite all’interno dei locali si è verificata da quando l’attuale società gestisce la discoteca».
Fonte Il Mattino