Partiti: abolita esenzione Imu e tagliati rimborsi 2014-16

parlamentoRoma, 11 febbraio 2014 –  Abolita l’esenzione del pagamento dell’Imu per gli immobili dei partiti, cancellate le agevolazioni sulle scuole dei partiti, tagliati 45 dei 136,5 milioni di euro previsti per il triennio 2014-2016 per i rimborsi elettorali. Queste alcune delle misure passate oggi nell’Aula del Senato che sta esaminando il decreto sul finanziamento dei partiti. “E’ questo – commenta il senatore del Ncd Andrea Augello – il risultato complessivo che il Nuovo Centrodestra ha conseguito modificando il decreto che aveva ripreso il testo uscito dalla Camera dei Deputati. Abbiamo cercato fino all’ultimo di far decorrere dal primo gennaio 2014 il taglio dei rimborsi elettorali, ma i nostri emendamenti non sono passati in Aula”. Quando e’ passato, invece, quello che estende anche alle sedi dei partiti il pagamento dell’Imu, osserva ancora Augello, e’ scattato anche l’applauso dei 5 Stelle. “Siamo tuttavia soddisfatti del compromesso raggiunto con la maggioranza, che ci ha consentito non solo di mettere fine al vergognoso privilegio fiscale sugli immobili, ma di intervenire anche su altri aspetti censurabili del testo approdato a Palazzo Madama. Inoltre – prosegue Augello – registriamo positivamente la circostanza che ha visto il Partito Democratico rinunciare, d’accordo con tutta la maggioranza, ad attivare con un emendamento l’intera copertura disponibile per i rimborsi elettorali fino al 2016″. “Questo atto di responsabilita’ – conclude il capogruppo di Ncd in commissione Affari Costituzionali del Senato – riduce di oltre 45 milioni la portata del residuo finanziamento, cioe’ pari a circa un terzo”. (ANSA)