Diossina, maxi-sequestro di cozze

cozzeTaranto, 13 febbraio 2014 – Cinque tonnellate di cozze coltivate in una zona vietata del mar Piccolo,a rischio sanitario,dove è interdetto l’allevamento in quanto nell’area è stata rilevata un’alta concentrazione di diossina e Pcb (policlorobifenili), sono state sequestrate da militari della Capitaneria di porto di Taranto. Non sono mancati i momenti di tensione per la protesta di alcuni pescatori. Il prodotto è stato caricato sugli autocompattatori dell’Amiu, l’azienda di igiene urbana, per la successiva distruzione. (ANSA)