“Sommerso dai debiti”, suicida a Padova l’editore Giorgio Zanardi

zanardiPadova, 13 febbraio 2014 – L’hanno trovato nella sede della sua azienda impiccato. L’editore padovano Giorgio Zanardi, 73 anni, titolare di un grosso stabilimento nella zona industriale di Padova, ha deciso di suicidarsi perche’ la sua azienda, una delle piu’ importanti nel campo dell’editoria che stampava anche per altri editori, stava franando sotto il peso dei debiti e della crisi. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri, si parla di uno scritto in cui l’imprenditore spiega la sua tragica decisione. Il corpo dell’uomo e’ stato trovato questa mattina dal capo reparto. Zanardi lascia la moglie e due figlie, dipendenti dell’azienda e in cassa integrazione da poco. Infatti la maggioranza dei dipendenti (una volta a quota 300) e’ in cassa integrazione. Sono rimasti al lavoro circa 110 dipendenti. L’amministratore unico della Zanardi conferma le difficolta’ dell’aziende sempre piu’ assediata da debiti. L’azienda era nata a Padova negli anni Sessanta poi era cresciuta fino a inglobare e collaborare con molte altre aziende del Nord Est e trasformandosi nel Gruppo editoriale Zanardi. Sul piccolo colosso imprenditoriale si e’ abbattuta spietata la scure della crisi. E l’inevitabile disperazione del suo creatore che ha deciso di farla finita. (AGI)