Geloso della moglie la chiudeva a chiave in casa coi figli, arrestato

polizia30Firenze, 13 febbraio 2014 – Spinto dalla gelosia verso la moglie, ogni volta che usciva chiudeva a chiave in casa sia lei che i loro tre figli piccoli, in un’abitazione di Sesto Fiorentino (Firenze), portando via anche il cellulare e il cavo del telefono fisso per impedirle di avere collegamenti con l’esterno. L’uomo, 40 anni, albanese, affidato in prova ai servizi sociali dopo un arresto per furto, e’ stato sottoposto dalla polizia, su disposizione del gip di Firenze, alla misura della custodia cautelare in carcere con l’accusa di sequestro di persona. Secondo quanto ricostruito, il 20 gennaio scorso i vigili del fuoco sono dovuti intervenire nell’abitazione per aprire la porta, che l’uomo aveva chiuso a chiave prima di uscire, e permettere ai sanitari del 118 di soccorrere la figlia piu’ piccola della coppia, di appena 10 mesi, colta da un lieve malore. A dare l’allarme era stata l’assistente sociale che segue la famiglia. L’appartamento, in base a quanto riferito dalla polizia, si trovava in precarie condizioni igienico sanitarie. La moglie dell’uomo, 34 anni, italiana, ha raccontato che il marito la privava anche del denaro necessario a far fronte alle minime necessita’ quotidiane, spendendo tutti i soldi per soddisfare il vizio del gioco. Dall’ottobre del 2013 l’uomo, di professione manovale, era affidato in prova ai servizi sociali, con la prescrizione di non uscire dalla sua abitazione nelle ore notturne. Recentemente la sua famiglia si era trasferita in una casa popolare, mentre per lui restava l’obbligo di dimora presso il precedente domicilio. Per questo motivo, a volte moglie e figli restavano segregati in casa oltre che il giorno anche per tutta la notte.(ANSA)