Gemelle di 20 anni rubano al supermercato e picchiano i vigilanti

polizia32Due giovani arrestate ieri sera per rapina impropria. Avevano intascato poco meno di 40 euro di merce. Per guadagnarsi la fuga non hanno esitato a prendere a testate e botte i vigilanti che le avevano bloccate, uno di loro finisce in ospedale

Reggio Emilia, 25 marzo 2014 – Otto confezioni di salviettine, un detergente gel e due ricariche per spazzolino elettrico, il tutto per complessivi 38 euro di valore. Questo il bottino che due sorelle gemelle stavano cercando di rubare al supermercato Esselunga, quando sono state scoperte e fermate dai vigilanti. Le due donne, di 20 anni e di origine senegalese, hanno peggiorato di molto la loro situazione quando, invece di consegnare la merce rubata come era stato loro richiesto hanno preso a picchiare i vigilanti per poter guadagnare una via di fuga. Uno degli operatori è stato colpito alla faccia da una testata e poi afferrato al collo e strattonato: ha riportato traumi e ferite medicate al pronto soccorso (la prognosi è di tre giorni).
Le due donne hanno dato in escandescenza anche in presenza della polizia arrivata per la segnalazione del furto. C’è voluto parecchio tempo prima di riportarle alla ragione. Alla fine sono state arrestate con l’accusa di rapina impropria.
L’episodio è avvenuto ieri alle 19. Le due ragazze sono state anche riprese dal circuito di videosorveglianza del supermercato mentre nascondevano nelle loro borse la merce e ponevano nel cestino della spesa generi alimentari.

Fonte: Gazzetta di Reggio