Rapinavano anziani in casa, “ammazzateli di botte”: 5 arresti

polizia50Ragusa, 25 marzo 2014 – Sono 5 le persone arrestate dalla Squadra mobile di Ragusa, nell’ambito dell’operazione “Safety home”, con l’accusa di far parte di una banda che rapinava anziani in casa scegliendo tra le vittime malati e non autosufficienti. I reati contestati dal Gip nei provvedimenti restrittivi sono associazione a delinquere finalizzata a commettere rapine, lesioni e truffa. Come capo del gruppo, costituito interamente da persone di Vittoria, viene indicato Angelo Di Gregorio, e come suoi complici Salvatore Sacco, Roberto Svollo, Lucia Di Natale e Francesca Giordanella. Nelle intercettazioni eseguite durante le indagini coordinate dalla Procura, i malfattori parlano senza pieta’ delle loro vittime, “ammazzate di botte” e definite “vecchi babbi” (scemi, in dialetto siciliano). In un’occasione, dove aver picchiato gli anziani invano per farsi rivelare il nascondiglio dei loro beni, i malfattori avevano deciso di tornare 15 giorni dopo, convinti che, visto che i “vecchi” erano malati, tenvano tutto l’oro in casa e avrebbero potuto trovarlo anche senza picchiarli nuovamente. (AGI)