Travolge un uomo e fugge: dopo ore chiama i carabinieri e fa ritrovare il cadavere

carabinieri14Napoli, 25 marzo 2014 – Se non si fosse presentato con l’avvocato dai carabinieri probabilmente il cadavere dell’ottantenne non sarebbe mai stato ritrovato. Avrà capito di aver fatto qualcosa di molto grave, per questo ha prima pensato di tutelarsi e poi di confessare la verità.

Così in tarda serata ha raccontato quanto accaduto molte ore prima. L’uomo, 38 anni, originario di Calvizzano è ora accusato di omicidio colposo e omissione di soccorso dopo aver investito un pensionato, Salvatore Criscuolo, 80 anni, agricoltore di Pianura.

I fatti ieri mattina a Varcaturo lungo la via Domitiana al Km 45 intorno alle 11.30. L’uomo a bordo del suo Doblò, forse per una distrazione, forse per un mancamento, perde per un attimo il controllo della vettura e investe l’ottantenne che camminava da solo sul ciglio della strada. E’ probabile che l’anziano stesse raggiungendo il terreno di sua proprietà. Non si sa se l’automobilista sia sceso dall’auto per verificare quanto accaduto oppure abbia ingranato la marcia senza nemmeno verificare. Sta di fatto che l’anziano è stato scaraventato ai bordi della strada. Probabile che sia morto sul colpo.

Per ore i familiari non hanno avuto sue notizie. E nello stesso momento nel quale hanno provato a chiamarlo al telefono e cercarlo hanno ricevuto la tremenda notizia dai carabinieri della stazione di Varcaturo guidati dal maresciallo Procolo Petrungaro.

Le forze dell’ordine ci hanno messo un bel po’ a ritrovare il corpo. E solo con le indicazioni del 38enne sono riusciti ad individuare il cadavere dell’agricoltore, nascosto tra le sterpaglie della Domitiana. Sul corpo del pensionato è stata predisposta l’autopsia. Il 38enne dovrà invece attendere le decisioni del giudice.

Cristina Liguori
Fonte: Il Mattino