Tragedia in casa: si impicca a 13 anni dopo un rimprovero del padre

Foto: archivio
Foto: archivio

La ragazzina ha lasciato un biglietto di scuse per i genitori. L’uomo: nessun litigio

Gela (Caltanissetta), 27 marzo 2014 – Una ragazzina di 13 anni, G.F. che frequentava la terza media, si è impiccata nella propria abitazione, a Gela, lasciando un biglietto di scuse per i genitori. La ragazza avrebbe subito un rimprovero dal padre. E’ andata nel sottotetto di casa e si è uccisa. E’ stato il padre a fare la terribile scoperta, intorno alle 16.

La ragazzina viveva con i genitori, la sorella di 22 anni e il fratello di 17. Il padre ha trovato il corpo della figlia che pendeva dal soffitto con un cappio al collo. Inutile la disperata corsa in ospedale e i tentativi dei medici di salvarla. La ragazza avrebbe compiuto 14 anni il prossimo giugno. Il genitore ha escluso agli investigatori che negli ultimi giorni fossero avvenuti litigi tali da far presupporre un simile gesto. Le indagini sono appena all’inizio e non sono escluse altre cause.

Fonte: La Repubblica