Curava cancro e Sla con l’imposizione delle mani, denunciata pranoterapeuta

polizia65Perugia, 2 aprile 2014 –  ‘Curava’ cancro, Sla e altre malattie con le mani. Rita Cutolo, di 66 anni, è stata denunciata martedì mentre era intenta ad ‘operare’ a Cerbara di Città di Castello, nei pressi di un edificio industriale. Fuori ad attendere il proprio turno per entrare dalla ‘guaritrice’ c’erano una trentina di persone, tutte affette da gravi patologie. La donna che definisce una pranoterapeuta, stava toccando un paziente affetto da Sla quando i poliziotti hanno fatto irruzione nell’edificio industriale, adibito per l’occasione a ‘studio medico’ con tanto di lettini. E’ per questo che la donna è stata denunciata per i reati di abuso della professione medica, perché, come ha stabilito la Cassazione, l’atto del toccare un paziente è un gesto invasivo che può essere fatto solo da un medico. E visto che il pranoterapeuta non è un medico, e neanche esiste un loro albo, è scattata la denuncia. Non solo, i poliziotti l’hanno anche denunciata per abuso della credulità popolare.All’indagata è stato imposto di interrompere la sua attività per inidoneità dei locali (la destinazione d’uso dello stabile non è risultata conforme allo svolgimento di quell’attività, così come da verificare eventuale agibilità dei locali.La donna, nata a Roma e residente in provincia di Pesaro, sembra spostarsi da un posto all’altro della Penisola per ‘guarire’ i tanti malati che si rivolgono a lei.  (Adnkronos)